Quando si vive nel pieno nord occorre trovare dei validi sistemi per riscaldarsi durante l’inverno, io da buona milf ho trovato il mio sistema e così ho reso la mia permanenza nella città di Treviso davvero interessante. Ho 33 anni ed anche se giovane sono una milf visto che sono madre di una bellissima bambina, nel mio tempo libero, mi piace conoscere persone tramite il web e se trovo qualcuno di interessante, la web cam diventa un mezzo per intraprendere conversazioni piccanti dove poi decidere se farli diventare reali o meno. Non nego che diverse volte ho avuto modo di poter fare incontri online, sia prima di essere madre che dopo, ed in entrambi i casi ci sono stati davvero dei successi in ambito sessuale. Sono una donna alquanto diretta e se devo dire qualcosa lo faccio senza nessuna scorciatoia, preferisco essere chiara e dimostrare quello che sono anche se ciò mi porta ad essere giudicata. In questo mondo ho conosciuto uomini assai interessanti, come Manuel, un uomo di 36 anni che viveva non troppi chilometri da dove stavo io e che ciò ha semplificato non di poco il modo per poterci poi incontrare senza troppi problemi. I dialoghi che abbiamo iniziato a fare appena conosciuti hanno fatto capire subito l’intesa che avevamo ed abbiamo messo in chiaro che l’incontro ci sarebbe stato ma che dovevamo organizzarci perché entrambi siamo impegnati in altre storie.

 

Incontra milf e donne mature online.

– siamo un network fatto di 50% donne e 50% uomini

– primo incontro in 24 ore

 

 

Qualche giorno è passato prima di poter stare l’uno di fronte all’altro ma nel frattempo il nostro modo di approcciare l’uno con l’altro in ogni telefonata o videochiamata era sempre più diretto. Ciò ha fatto si che quando ci siamo trovati l’uno di fronte all’altro è venuto naturale saltarci addosso e frenarci solo per stare in un posto più consono a quello che avevamo nella nostra mente. Andando verso casa sua immaginavo già tutto ciò che sarebbe accaduto ed il solo pensiero mi eccitava oltre ogni limite, ma quando poi ho vissuto la realtà, posso ora affermare che i pensieri erano assai riduttivi in chiave del piacere. Manuel ha dato una buona dimostrazione di come si coinvolge una donna e di come si fa per indurla in tentazione e portarla a fare ciò che lui stesso voleva. Io nonostante amassi dirigere il gioco durante l’atto sessuale, con lui mi veniva difficile, ero presa dal suo modo di agire e godevo ad ogni suo tocco, indipendentemente che avvenisse con le mani o con la bocca. Era capace di dare molto con poco e ciò ha fatto salire di tanto la voglia che avevo di raggiungere l’orgasmo in quel momento, anche se una buona parte di me voleva che non finisse mai tutto ciò perché era troppo eccitante quello che c’era. Il passare dei minuti poi ci ha portati entrambi a sentirsi appagati e soddisfatti di quanto fatto, ovviamente non potevamo evitare di ripeterci ancora.